Un afternoon tea a York

York è conosciuta principalmente per la Guerra delle due Rose (con le famiglie York e Lancaster a contendersi la corona inglese nel 1400), per le sue origini antichissime e per avere una delle cattedrali gotiche più grandi del Nord Europa. Personalmente, di York ricorderò per sempre il suo Cream tea, buono (quasi) quanto quello provato in Cornovaglia due anni fa. Per i neofiti, il Cream tea è un tè (in genere è possibile sceglierlo dalla carta) accompagnato da scones (tipici biscottoni da forno lievitati di origine scozzese), burro o panna e marmellata (in genere di fragole o mirtilli). A differenza degli scones del sud-ovest, quelli di York al loro interno hanno l’uva passa.

Dove provare un ottimo cream tea (ed, eventualmente, un’abbondante colazione)? Le sale da tè sono tante e tutte molto invitanti. Sarebbe scontato nominare Betty’s, la più antica e conosciuta (aperta nel 1919), ma ce ne sono un altro paio che valgono una sostanziosa sosta. Da provare la The Little Shambles Tea Room, all’angolo tra la piazza del mercato (Shambles Market) e la caratteristica The Shambles, pittoresco vicolo medievale dove le case sembrano fatte di marzapane. Da poco gestito da un simpatico e accogliente ragazzotto giapponese, il locale ha una piccola stanza al pian terreno e una al primo piano: pochi tavoli ma tanto calore, sedie in legno e un’atmosfera informale e casalinga.

Il mercato, anche a York, rappresenta un punto di snodo dove le vite dei suoi cittadini si incrociano e si contaminano. La sua parte più interessante, però, è sicuramente la Shambles Kitchen, dove regna sovrana la bandiera dello street food; se vedete un camioncino verde acqua e sentite musica reggae, fermatevi subito e lasciatevi conquistare dalle crepes e dalle galettes bretonnes (le seconde fatte di grano saraceno e quindi adatte per i celiaci) preparate con cura da Marc-Antoine, Taida e Tomek, magari accompagnate dalla loro speciale bevanda calda a base di zenzero, cardamomo e cannella (vegani non preoccupatevi, ci sono soluzioni per tutti). Un vero pranzo che si rispetti non può non concludersi con un dolcino: dai banchi del mercato, Once across the garden propone esclusivamente specialità vegane. Pur essendo specializzati in eventi, hanno un banchetto dove poter assaggiare quasi tutto.

TO MOVE BOX

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *